ATTIVITA’

Come mestiere ho scelto l’arte, come compagni di lavoro ho scelto i bambini.

 

Mi occupo di pratiche espressive che riguardano corpo, cuore e mente portando avanti una ricerca artistica sulla trasformazione, sia soggettiva che collettiva. Studio queste materie quotidianamente interpellando sia i maestri del passato attraverso le loro scritture che quelli del presente seguendo i loro insegnamenti.

 

Mi rivolgo a bambini e, più in generale, alle comunità educative (genitori, famiglie, scuole) con dispositivi formativi e poetici organizzati su sistemi di simboli e trasmessi con un atteggiamento di cura. Promuovo l’arte come diritto all’espressione e come estensione di identità, valore, tensione verso la bellezza.

 

Mi faccio ispirare dai bambini: dal loro modo di leggere la contemporaneità e di starci dentro, da ciò che mi dicono e mi portano.  Costruisco con loro rapporti di scambio artistico da cui prendono forma atti creativi intermedi che poi diventano atti performativi in cui tutti si riconoscono.

 

Oltre alla carriera da solista sono all’interno di gruppi di lavoro e progetti collettivi.
Convergo con altri professionisti per progetti specifici di interazione tra discipline.
Nel 2019 sono co-fondatrice del laboratorio permanente per la facilitazione dei processi collettivi #thisisreverse.
Dal 2017 sono socia di Zappa! collettivo artistico che realizza progetti ed eventi con lo scopo di fare esperienza della cultura dal basso e di promuoverla. All’interno dello spazio dell’associazione (Via Carradori, 12 a Prato) ho curato per un triennio (2017-2020) il progetto di teatro “camaleonti” rivolto in particolare ai bambini dai 4 anni basato sull’immaginario e sulla fantasia astratta.