ATTIVITA’

Mi occupo di pratiche espressive che riguardano corpo, cuore e mente portando avanti una ricerca sulla trasformazione, sia soggettiva che collettiva. Studio queste materie quotidianamente interpellando sia i maestri del passato attraverso le loro scritture che quelli del presente seguendo i loro insegnamenti.

 

Mi rivolgo a bambini e, più in generale, alle comunità educative (genitori, famiglie, scuole) con dispositivi formativi e poetici organizzati su sistemi di simboli e trasmessi con un atteggiamento di cura. All’interno di questo assetto i partecipanti sono riconosciuti come compagni di lavoro con cui costruire insieme qualcosa condividendo esperienze che facilitano l’emersione a cui attribuire, a posteriori, un significato.

Mi faccio ispirare dai tanti modi che i bambini hanno per abitare e tradurre la contemporaneità, da ciò che mi dicono e mi portano. Instauro con loro rapporti di scambio umano e artistico in cui si sperimentano atti creativi intermedi che poi diventeranno formati in cui tutti si rivedono e si riconoscono.

 

Mi impegno costantemente nella promozione del diritto all’espressione come valore, estensione di identità e realizzazione del sé.
Oltre alla carriera da solista sono all’interno di gruppi di lavoro e progetti collettivi. Convergo con altri professionisti per progetti specifici di interazione tra discipline e con varie realtà del terzo settore nell’ambito di interventi artistici rivolti ai minori in condizioni di marginalità.
Dal 2020 collaboro con La Brigata Ballerini all’interno delle progettualità di pedagogia teatrale.
Dal 2017 sono socia di Zappa! collettivo che realizza iniziative con l’obiettivo di fare esperienza della cultura dal basso.